ACCESSO VASCOLARE

Per consentire lo svolgimento del trattamento dialitico sarà necessario creare un accesso vascolare che consiste in un intervento chirurgico durante il quale verrà unita una vena con una arteria la“fistola artero-venosa”, tale intervento viene eseguito sul braccio. Questo accesso vascolare consentirà un adeguato flusso ematico per lo svolgimento della metodica. Ad ogni seduta l’accesso vascolare verrà punto con due aghi, attraversoil primo ago il sangue verrà prelevato e attraverso il secondo ago verrà restituito al paziente.
Quando questo intervento non può essere eseguito per problematiche vascolari del paziente, si provvede all’inserimento di due cateteri venosi, generalmente a livello giugulare.